sabato 14 novembre 2015

E' quando non si ha voglia che bisogna cantare

Stasera replico GATTA AL LARDO, ragionamento comico sui proverbi.
I fatti di Parigi, le stragi, la strategia della tensione, la guerra qui e altrove, mi rendono tutto difficile. E in particolare, un testo comico.
Ci provo. D'altronde gli attori devono sempre salire sul palco con e per qualsiasi tempo. Anzi,  sono chiamati spesso in tempi di guerra a risollevare il 'morale delle truppe'.  
Ricordo la Magnani che, in una scena del film "La sciantosa", canta piangendo  'O surdato innamurato' davanti ai mutilati di guerra.

venerdì 13 novembre 2015

Il consiglio comunale sancisce solo il potere del partito

In attesa che discutessero la mozione su Gonfienti e l'area archeologica, mentre mi preparavo da mangiare prima di andare a fare lezione, mi sono collegata in diretta streaming per assistere alla seduta del consiglio comunale che si è tenuta oggi a Prato (in realtà ieri).
Sono rimasta basita. E non tanto perché la mozione non è stata discussa (tanto, che possono dire mentre stanno invece trattando di cementificare ancora di più con l'atto di indirizzo del nuovo Piano Operativo?), ma per il livello culturale e politico, davvero misero, e per la reale perdita di tempo che tale attività sembra ormai assumere.

Il consiglio comunale non serve tanto ad affrontare le problematiche della città, quanto piuttosto a sancire e ratificare il potere del partito, e le relative scelte già fatte altrove, tramite i suoi aderenti-adepti, che eseguono senza battere ciglio.

E non è un caso che frequentemente i sindaci siano assenti alle sedute del consiglio. Questo ha sempre meno valore e dà sempre più fastidio al potere e alle decisioni che vuole prendere.

Per sistemare questioni di coscienza, e metterla a tacere credendo di stare nel giusto, si utilizzano i campionari del modello politico 'corretto', con lemmi e diciture tutte maiuscole: Libertà, Resistenza, Democrazia, Accoglienza, Pari Opportunità, Sviluppo, eccetera eccetera.

Insomma, siamo a una distanza siderale da un mondo che potrebbe essere diverso e più gradevole per un numero maggiore di persone rispetto all'attuale, se solo chi può decidere alcuni aspetti di vita delle città fosse non tanto al servizio del partito o della fazione, e dei propri interessi, ma della comunità.

Fantascienza, in Italia.

E pensando alla fantascienza di cui sono una appassionata, non potevo non finire nel sito dell'ESA, la European Space Agency, che con estrema semplicità e chiarezza testimonia che il fior fiore degli scienziati, nell'umida e ventosa Olanda, dove piove un giorno sì e uno sì, vive un'altra vita dalla nostra, magari andando a lavorare in bicicletta. Una vita più salutare, per esempio, e quindi più ecologica; o viceversa. Più fantasiosa e ricca di stimoli. E chi viene da fuori, è incoraggiato a viverla, e consigliato.

Mentre noi, in Italia, siamo costretti a subire, e in troppe occasioni, le decisioni di ignoranti, arrivisti, arroganti, collusi; e li vediamo e li ascoltiamo sproloquiare per ordine di partito e di fazione.  In alcuni casi, come le notizie ormai ci annunciano a ogni ora del giorno e della notte, la cosa pubblica è dominata da veri e propri banditi.



Biking in the Netherlands
Wet weather? No problem!
11 November 2015





Riding your bike comfortably in the rain is relatively easy by using preparation and a bit of additional gear. For those of us working at ESTEC and living in the Netherlands, we see our Dutch colleagues riding their bikes in any kind of weather. Whether it’s raining, snowing or the sun is shining, bike paths in the Netherlands are constantly busy.

What may seem as normal bike riding for our Dutch colleagues can seem a little strange to newcomers. For example, in many countries it is the law to wear a bicycle helmet. That is not the case here. Hand signals may be different from what you were taught in your country. In the Netherlands, it’s very easy; left hand extended means you are turning left, right hand means you are turning right. 
“On Monday 16 November ESTEC's HSE-unit has organised a bike light safety check. You can drop off your bike at the Remco 1 (Mb) building and pick up your bike on your way home or any time during the day.” 
How about bicyclists giving a “lift” to another person with the person sitting on the back fender? Not a problem in the Netherlands. Nor is it uncommon to see a person holding an umbrella while biking.Side by side biking is also accepted in the Netherlands and this can be a little nerve-wracking when you see a group of school-aged kids biking toward you taking up the entire bike path or road. It’s not allowed, but it happens.
Did you know that biking to go shopping or to get to work, and cycling for sport are two different things in the Netherlands? Cycling for sport means wearing the correct gear including cycling shoes, helmets, gloves, etc, as well as using the proper racing (road) bike. Biking to get to work (if you live within 5 to 10 km) means getting on your bike in your everyday clothes and going.
Keep safety in mind
ESTEC’s HSE-unit encourages you to ride your bike for many reasons, including your health and the positive impact cycling has on the environment, but it’s always important to keep safety in mind.
Here are a few things to remember:
  • Bike brakes are much less effective when wet. Take it slower than normal and give yourself LOTS more time to stop.
  • Metal, painted, and brick surfaces can become very slippery during and after the rain. This means watch out for train tracks, manholes, roads and bike paths made with cobblestones , etc. When you cross over them keep your handlebars straight, not turning, to avoid a slip.
  • You may see the locals holding umbrellas in wet and windy conditions while riding their bikes, but if you are not an experienced bicyclist, do not try this. Wind and rain can make you feel unsteady enough. Keep both hands on your handle bars.





Here are a few more tips to consider when biking in wet conditions:
Wear glasses: A pair of glasses with a clear or yellow lens will protect your eyes from flying water, insects, mud, road grit and all the other bits of debris that can be thrown up by bike wheels. Yellow or orange lenses will increase contrast if the light levels are low, which will help you make out lump and bumps in the road more easily.Avoid potholes and puddles: Potholes are bad news. They can cause you to go off course, or in a worse-case scenario, damage your wheels or make you crash. In the rain, they become trickier still because you won’t be able to see if it’s a shallow puddle or a huge gaping hole ready to swallow you up. Stay clear!
Drop your tire pressure: By dropping the pressure in your tires a little, say about 15 – 20 psi from your normal levels, you can get a lot more grip on the road. The downside to this is you will be that much slower, but this can be a worthwhile compromise if the weather conditions are bad.
Control your speed and avoid hard braking: Wet weather means you’ll have to be more aware how you ride and how you control your speed. Sudden hard braking is best avoided as you are more likely to lose your grip on the road and skid. Make sure you look up and ahead, anticipate where you might need to stop or slow down, and make moves to do it slowly and well in advance. Apply your brakes smoothly and slowly, decelerating gradually.
Take care when cornering: Corners become a serious obstacle you’ll need to take care with. Look up and anticipate the corner, and reduce your speed before the corner so you are not applying the brakes going into or around it.
Ride consistently and predictably and keep to your lane: This is something you can do for other riders on the road. It means not suddenly slowing down, turning, cutting across riders, etc. These actions not only affect you, they might mean riders around you have to brake suddenly which increases the likelihood of someone skidding or crashing.
Make sure you have the right gear: A good waterproof jacket will make all the difference to your riding experience in the wet. Waterproof shoe covers, over trousers and gloves are all also good options to go for if you want to be completely protected from the elements. Neon and bright colours are especially important in dim but not dark conditions. A waterproof bag, pannier (In Holland, a pannier is known as a “fietstas” pronounced feats tass), or backpack will ensure that all of your valuables stay dry even if you don’t. Hands and feet get the coldest. If you plan to bike more than just a few km in the rain, make sure both are covered with waterproof and well insulated material.
Enjoy your ride! Besides the healthy benefits, it’s also a good opportunity to discover new routes to and from work.









giovedì 12 novembre 2015

Canzone per i cinesi schiavi


Proprio qui accanto a me

lungo un fosso

che si chiama Fosso

inquinato e sporco

brutto squallido morto

come tutta la città,

vivono lavorano cinesi

come topi.

Ma no, il topo è libero;

il cinese, schiavo.

Ha scelto lui di vivere così,

non conosce altra vita

di vivere come uno schiavo.

Non vuole altra vita!

E lui pensa di fare i soldi

di arricchirsi,

ecco cosa vuole,

e invece arricchisce

il trafficante, il padrone

arricchisce il suo Stato,

che gli dice: - Vai, sei libero,

ma portami i soldi,

mandami i soldi.

E lui lo fa, se ne va felice,

e pensa di essere libero,

pensa che tornerà ricco,

ma è controllato,

è contato sfruttato,

e butta così la sua vita nel fosso!

E nella città

dove si parla di libertà

di dignità,

ecco, puoi trovare tutti questi schiavi

nascosti ovunque.

Nascosti, ma si vedono bene!

Sembra uno di quei giochi

che facevamo da bambini;

quando a nascondino,

e noi pensavamo di non essere visti,

i grandi ci vedevano eccome!


Come si può dormire tranquilli,

come si può dormire

senza pensare che in questa città

c'è qualcosa che non va!

Maledetti ipocriti,

siete andati a scuola

per trincerarvi ancor meglio

nella vostra ipocrisia!


E incroci la nuova schiavitù,

per cui non ci sono ceppi,

non ci sono muri,

la puoi incrociare per via,

schiavitù a portata di mano

schiavitù a portata di occhi,

e ci scambiamo anche sorrisi!

E' una storia che dura da anni.

E mentre penso vedo questo

arriva il camioncino, il ragazzotto

carica le maglie carica il vestitino

che gli schiavi cuciono in fretta e furia

di notte di giorno sempre,

e che compriamo al mercato,

nel negozino,

compriamo a buon prezzo!

Dormono come topi

proprio accanto a me.

Ma i topi sanno

cos'è la libertà;

viva i topi,

che non hanno schiavi

che non affittano

che non inquinano

che ballano alla luna.

mercoledì 11 novembre 2015

Troppi giornalisti Papa-boys

Durante la visita papale a Prato e a Firenze, abbiamo finalmente saputo quanti sono i giornalisti Papa-boys. Tutti intonanti osanna e sprizzando emozioni, di assoluta aderenza.

Saltellavano come capretti.

Come erano spaventevoli quando tutti erano da una parte un tempo, adesso lo so altrettanto dall'altra parte. 

Nessuno che si sia posto, o forse nessuno si è potuto porre, alcune domandine su questo papa e il suo viaggio a Prato e Firenze, visto ormai come un Cristo in terra, Papa esaltato oltre misura per aver pronunciato due o tre frasi sullo sfruttamento del lavoro e per aver ricordato i morti cinesi al Macrolotto.  A Prato probabilmente nulla cambierà.

Un papa che appare un populista stile Peron, chiamato in Argentina, 'el actor' da Verbisky (colui che lo ha accusato di complicità con la dittatura), che parla sì di povertà e sfruttamento, che mangia alla Caritas, ma che in realtà si trova lontano dai temi della Teologia della Liberazione.

Un perfetto gesuita moralizzatore (rispetto alla Chiesa) e politico (rispetto all'esterno).

A mio parere un papa fortemente conservatore, che di Francesco ha poco o nulla, ma molto di Wojtila. Colui che appunto distrusse la Teologia della Liberazione in America Latina.


martedì 10 novembre 2015

Firenze è di nuovo capitale (Il Papa però prima va a Prato...)

Il Papa va a Firenze.  E la Fiorentina prima in classifica nel campionato di calcio.
E' evidente che con Renzi la vera, effettiva capitale d'Italia si è momentaneamente spostata a Firenze. L'accordo con Verdini lo sancisce. Il Partito della Nazione non poteva non nascere con un fiorentino.

Il Papa deve essere un po' irritato con Renzi se mette piede prima a Prato. O  vuole tener alto il 'prezzo'.

E' chiaro il messaggio: comanda Roma, comanda il Papa. E così gli fa un dispettuccio e va prima a Prato, che è più umile di Firenze, più 'francescana' -? -; ci sono gli extracomunitari, c'è il Macrolotto devastato dal consumismo e dall'affarismo abborracciato e sporco cino-pratese; c'è il rifiuto, lo scarto, lo sfruttamento per eccellenza. Insomma, va prima a Prato anche perché c'è lo scenario prediletto della "Bergoglio Jesuita Produccion de Peliculas", il "Bergoglio Style". Non certo per il Sacro Cingolo.

Solo dopo andrà a Firenze, e in curia chiederà: - Voi con chi state? Anche voi, pronti a tradire, eh? Tu quoque...Betori?-

Sembra essere al tempo delle Investiture. Delle lotte fra Papato e Impero...Il popolino che attende il saluto, l'emozione della vista del potente o del santo.

Per Bergoglio sarà una chiara dimostrazione di forza a casa di imperator Renzino. Preludio di accordi in casa di chi comanda lo Stato.

Non deve temere, il Papa. La Toscana ha sempre seguito Roma e viceversa. La Toscana è la cassaforte identitaria dello Stato, la terra fedele e feudale, e anche beghina.

Per questo ci sono nati ribelli come Bresci o geni come Leonardo. E a volte, geni e ribelli hanno coinciso, come in Dante. Perché è una terra tradizionalista e asfissiante, i cui governanti alla Stenterello sono sempre stati pronti a calarsi le braghe e a fare i burattini (e tutti in fila a inginocchiarsi e a stringere la manina, emozionati...). E allora la gente ogni tanto si oppone o diventa genio, ché non ne può più. Che essere genio non è che una delle forme della ribellione e dell'insofferenza.

Quelli poi che pensano che l'arrivo di Bergoglio possa essere un punto a favore contro l'ampliamento dell'aeroporto e l'ulteriore devastazione della Piana, sono dei pii illusi. Anche Bergoglio, anzi lui più di tutti,  arriva dal cielo e ha bisogno di piste.


P.S. Ricordo che per la visita del Papa la Regione Toscana ha assegnato 200.000 euro alla Diocesi di Firenze.

Prossimi appuntamenti al Teatro La Baracca

Sabato 14 novembre, ore 21, replica straordinaria di GATTA AL LARDO, ragionamento comico sui proverbi.

Sabato 21 novembre, ore 21, KARL LAQUA, vita immaginaria e reale del boia di Figline.

Via, speriamo di farcela!...Non mi abbandonate.




lunedì 9 novembre 2015

Il Papa a Prato


Martedì 10 novembre il Papa sarà a Prato.

Delirio collettivo e provinciale, città impraticabile, scuole chiuse (e lo chiamano stato laico!), tombini sigillati. Ma fortunatamente anche qualche sfottò (questo 'salutare' cartello lo trovate in via Frascati).

domenica 8 novembre 2015

GATTA AL LARDO. Com'è andata e...replica straordinaria



Il debutto di GATTA AL LARDO è andato molto bene, direi.
Mi sono particolarmente divertita, e credo anche tanto il pubblico; per questo ho deciso di replicare sabato prossimo, 14 novembre. Nelle foto alcuni momenti dello spettacolo, con  il cammeo di Gianfelice.
P.S. Dato che qualcuno ha chiesto, spiego: le canzoni sono tutte mie, eccetto l'ultima; due sono però basate su proverbi. 'La leggera' è mia, testo e musica, e completamente diversa da quella storica, anche perché dedicata all'anarchico livornese Renzo. 'Leggera' si diceva una volta di chi non aveva voglia di lavorare, e, per estensione, degli anarchici, che però 'leggere' non erano affatto. O comunque non la persona a cui è dedicata la canzone, Renzo, che si autodefiniva 'leggera' solo per provocazione.

I commenti:

-Emozioni, e ancora emozioni. Bravissima e originale! Maura.

-Bellissimo...e tanti non me li ricordavo più. Grazie per riportarci all'età in cui con poche parole ci rendevano un concetto e...a buon intenditor poche parole.  Silvia

-Bellissimo spettacolo. Suggerisco un proverbio: - Mal comune mezzo gaudio.  Stefano

-Complimenti! Una serata di sane risate...e riflesisoni. Yuri

-Dopo i proverbi millenari, ironici e melodiosi, oggi ci sono i 'cinguettini' globali. Forse, si stava meglio quando si cantava peggio! - Fulvio

-Spettacolo solo apparentemente più leggero di altri, ragionamento comico appunto, ma che si è rivelato come sempre fonte di ulteriori riflessioni, paragoni con la nostra vita che, nel bene o nel male, è stata scandita da questi che, in una definizione iniziale, l'artista ha definito 'sentenze popolari'. Grazie ancora e se possibile avanti così!  - Massimo.

-Ridere così e con intelligenza, non capita più così facilmente. Spettacolo molto originale. Brava. - Loredana

Morire da turista

Sono morto da turista. Un privilegio per pochi. Nemmeno me ne sono reso conto. Ero lontano dalla mia città, Barcellona, che in questi gio...