giovedì 13 luglio 2017

Affareincù


A settembre, probabilmente sabato 23,  presenteremo la nuova stagione, che si annuncia 'esplosiva'.
D'altronde, ognuno si difende come può.

La stagione, per il quinto anno consecutivo, non riceve alcun finanziamento pubblico, ed è tutta autogestita.

Il massimo che la Baracca ha ricevuto nel tempo, ricordo soprattutto a me, è stato di 4.600 euro. Era l'età dell'oro del mio teatro, durata pochissimo, quando faceva parte dei piccoli teatri della Toscana, un progetto mandato affareincù dalla politica nostrana, che doveva creare i teatri-azienda e  dare i soldi a chi poteva ridarli indietro o ricambiar con voti eccetera.

Più volte, confesso, sono stata sul punto di mollare tutto, visto che non c'è guadagno da nessun punto di vista, ma poi ci ho ripensato per non dar vinta a chi vorrebbe che non si esistesse.

Invece si esiste. E il pro-getto c'è. Siamo nel mondo e per il mondo. Prima di crepare e di andare anche noi,  con gran piacere e senza aver mai calato le braghe ruffiane, affareincù.

Nessun commento:

Morire da turista

Sono morto da turista. Un privilegio per pochi. Nemmeno me ne sono reso conto. Ero lontano dalla mia città, Barcellona, che in questi gio...