mercoledì 19 luglio 2017

Impegnata in nuovi mondi e personaggi

Impegnata con gli spettacoli estivi,  ma soprattutto presa dalla scrittura di testi, nuovi mondi e personaggi, mi allontano necessariamente un po' dal blog e dalla cronaca.
Nei prossimi giorni sarò meno virtualmente presente, ma cercherò di recuperare presto anche in concreto con la nuova stagione - libera, indipendente e autofinanziata - nel mio piccolo teatro, che spero non deluderà le  aspettative.

lunedì 17 luglio 2017

Recensione di "Io e Federico" su Cultura Commestibile

Recensione di Gianni Biagi (Cultura Commestibile n.226)

Buona devastazione a tutti!

Articolo moralisticheggiante, come nello stile solito.

Ieri, nella Piana, il copione era rispettato:
verso Pistoia, sopra Montale e Tobbiana, si è sviluppato un grosso incendio, probabilmente di origine dolosa visto che divampava in più punti (da cui il famoso epiteto di 'piri' dato ai pistoiesi, probabilmente nel senso di incivili e malati maniaci del fuoco, piromani e carbonai); 
a Prato invece (da cui pratesi, devastatori-inquinatori dell'ambiente),  la nube tossica che fuoriusciva della Daychem (abbiamo saputo dopo, e invece pensavamo fosse altro incendio), azienda chimica che produce prodotti per la tintura tessile di via Galcianese.  Ai pratesi è stato consigliato di tenere le finestre chiuse...e anche il sindaco ha indossato quella mascherina che i cinesi di Prato portano sul viso continuamente, sapendo bene cosa vi si produce e si lascia in mezzo alla via in città.
I pompieri non sapevano più dove andare. Pistoia o Prato? Scarsi i mezzi di soccorso?
Sull'incendio piro i giornali hanno annunciato stupefatti: anche dall'aeroporto si vedono le fiamme!, come se l'aeroporto fiorentino in espansione fosse lontano e luogo magico, punto privilegiato nevralgico della Piana Devastata; tuttavia dista dalle colline brucianti solo pochissimi chilometri.
Stamani l'incendio è stato domato (?) e la nube tossica se n'è andata, grazie a quel vento (ieri di grecale) che proprio ha reso il fuoco pericoloso.

Visto che son fresca di motti e proverbi, ne trascrivo due fiorentini, che notoriamente sono superiori a tutti, creatori di lingua, partiti e quattrini:

1. Burrasche puttane e incendi,
tutti da Pistoia tu le prendi.

2. Prato è la città dello sconforto
o piove o tira vento
o suona a morto.


Buona devastazione a tutti!


Morire da turista

Sono morto da turista. Un privilegio per pochi. Nemmeno me ne sono reso conto. Ero lontano dalla mia città, Barcellona, che in questi gio...