lunedì 17 luglio 2017

Buona devastazione a tutti!

Articolo moralisticheggiante, come nello stile solito.

Ieri, nella Piana, il copione era rispettato:
verso Pistoia, sopra Montale e Tobbiana, si è sviluppato un grosso incendio, probabilmente di origine dolosa visto che divampava in più punti (da cui il famoso epiteto di 'piri' dato ai pistoiesi, probabilmente nel senso di incivili e malati maniaci del fuoco, piromani e carbonai); 
a Prato invece (da cui pratesi, devastatori-inquinatori dell'ambiente),  la nube tossica che fuoriusciva della Daychem (abbiamo saputo dopo, e invece pensavamo fosse altro incendio), azienda chimica che produce prodotti per la tintura tessile di via Galcianese.  Ai pratesi è stato consigliato di tenere le finestre chiuse...e anche il sindaco ha indossato quella mascherina che i cinesi di Prato portano sul viso continuamente, sapendo bene cosa vi si produce e si lascia in mezzo alla via in città.
I pompieri non sapevano più dove andare. Pistoia o Prato? Scarsi i mezzi di soccorso?
Sull'incendio piro i giornali hanno annunciato stupefatti: anche dall'aeroporto si vedono le fiamme!, come se l'aeroporto fiorentino in espansione fosse lontano e luogo magico, punto privilegiato nevralgico della Piana Devastata; tuttavia dista dalle colline brucianti solo pochissimi chilometri.
Stamani l'incendio è stato domato (?) e la nube tossica se n'è andata, grazie a quel vento (ieri di grecale) che proprio ha reso il fuoco pericoloso.

Visto che son fresca di motti e proverbi, ne trascrivo due fiorentini, che notoriamente sono superiori a tutti, creatori di lingua, partiti e quattrini:

1. Burrasche puttane e incendi,
tutti da Pistoia tu le prendi.

2. Prato è la città dello sconforto
o piove o tira vento
o suona a morto.


Buona devastazione a tutti!


Nessun commento:

Parma aveva bisogno di diventare capitale della cultura?

Parma sarà la Capitale della Cultura 2020. Ma questa città aveva proprio bisogno di essere incoronata? Ci sono altre città che forse avre...